Plastica riciclata: una strategia per ridurre le emissioni di carbonio che è sottovalutata

Pubblichiamo la versione italiana dell’articolo pubblicato da Prevented Ocean Plastic che contiene interessanti dati e considerazioni sul ruolo della plastica riciclata nelle emissioni di carbonio.

Le preoccupazioni sul riscaldamento globale e sull’inquinamento da plastica continuano a crescere, ma il ruolo che la plastica riciclata può svolgere nel mitigare le emissioni di carbonio sono ancora largamente sottovalutate.

Negli ultimi anni, la plastica è diventata il manifesto del degrado ambientale. Le immagini della plastica che sporca le coste e imbriglia la fauna marina hanno causato l’indignazione del pubblico. Di conseguenza, la questione di come risolvere questo problema ha permeato la società, con alcuni consumatori e aziende che hanno scelto di allontanarsi completamente dalla plastica. Mentre non c’è dubbio che i nostri modelli di consumo devono cambiare e le industrie devono adottare politiche sostenibili, la plastica ha ancora un GRANDE ruolo da svolgere quando si tratta di affrontare un problema generale di riscaldamento del clima. Nel 2015 le emissioni di gas serra dell’industria della plastica hanno contribuito al 4% del bilancio globale del carbonio.

Anche se questo contributo può sembrare marginale, il World Economic Forum stima che in uno scenario di business as usual, le emissioni dalla plastica rappresenteranno il 15% del bilancio globale del carbonio entro il 2050. Tuttavia, sostituire la produzione di plastica vergine con plastica riciclata può ridurre significativamente le emissioni, con uno studio della UC Santa Barbara che stima una riduzione di mezzo punto percentuale al 3,5% per lo scenario del 2015. L’aumento della plastica riciclata può quindi avere un effetto positivo significativo sull’impronta di carbonio dell’industria nel suo complesso – ma come si confronta la plastica con altri materiali?

La plastica ha un'impronta di carbonio più bassa di altri materiali tradizionali

Molti studi suggeriscono che la plastica ha una minore impronta di carbonio rispetto ad altri materiali più tradizionali come il vetro, l’alluminio e la carta. Nella maggior parte dei casi, è la fase di produzione e fabbricazione del ciclo di vita del prodotto che rappresenta la maggior parte delle emissioni di carbonio, contrariamente alle credenze popolari sul trasporto.

Il fatto che la plastica abbia un’impronta di carbonio molto più bassa del vetro è stato illustrato ripetutamente. Nel 2008 uno studio del WRAP ha indicato che le bottiglie in PET (plastica) emettevano meno emissioni di carbonio nella fase di produzione rispetto al vetro, che diminuivano ulteriormente quando venivano riciclate a fine vita. Uno studio sul ciclo di vita pubblicato molto più di recente, che ha preso in considerazione le pratiche di gestione locale, le infrastrutture e il comportamento di riciclaggio in Cornovaglia (Regno Unito), ha anche trovato che la sostituzione del PET con il vetro per l’imbottigliamento delle bevande avrebbe effetti negativi sul riscaldamento del clima e su altri nove indicatori ambientali come la riduzione dello strato di ozono e la tossicità acquatica marina. Un altro studio recente ha dimostrato che il vetro emette più di tre volte più emissioni di carbonio del PET.

Quando si tratta di carta e plastica, la maggior parte degli studi confronta i sacchetti per la spesa. Uno studio precedente dell’Agenzia per l’ambiente del Regno Unito ha illustrato che avremmo bisogno di usare un sacchetto di carta almeno tre volte per neutralizzare il suo impatto di carbonio rispetto alla plastica – per i sacchetti di cotone si tratta di 131 volte! Risultati simili sono stati trovati da uno studio commissionato dall’Assemblea dell’Irlanda del Nord nel 2011. Al momento manca un confronto diretto tra l’impronta di carbonio dei cartoni di carta e delle bottiglie di plastica. Tuttavia, si sottolinea spesso che i cartoni di carta contengono materiali misti, come la pellicola di plastica, il che significa che non sono facilmente riciclabili.

Il caso delle lattine di alluminio dipinge un quadro simile, ma rimane altrettanto complesso. Una valutazione “dalla culla alla tomba” delle bibite gassate nel Regno Unito ha dimostrato che le lattine di alluminio emettono il doppio delle emissioni rispetto alle bottiglie in PET. Una logica comune dietro l’uso dell’alluminio è che è ampiamente riciclato e contiene un alto contenuto di riciclato. Inoltre, considerando i recenti sforzi per affrontare l’inquinamento plastico degli oceani, molte aziende stanno esplorando questa opzione presumibilmente più verde. Tuttavia, così facendo, il pericolo è che le aziende potrebbero non raggiungere i loro obiettivi di riduzione del carbonio, come notato da Reuters:

“Aumentando il riciclaggio attraverso le lattine, le aziende potrebbero ricadere negli sforzi per ridurre le loro impronte di carbonio, illustrando il difficile gioco di destrezza che devono affrontare per mantenere gli investitori attenti all’ambiente, gli attivisti e i consumatori dalla parte giusta”.

Mentre il percorso verso la sostenibilità e un’economia circolare è tutt’altro che semplice e sarà sempre specifico del contesto, è chiaro che la plastica ha un ruolo importante da svolgere quando si tratta di ridurre le emissioni di carbonio. Tuttavia, ancora meglio della plastica, è la plastica riciclata.

Meglio della plastica, è la plastica riciclata

Indipendentemente dal materiale, usare materie prime riciclate ha un impatto positivo sulle emissioni di carbonio. Secondo la Sustainable Packaging Coalition:

“I processi di produzione del vetro, dell’alluminio, dell’acciaio e della plastica sono in genere caratterizzati da minori emissioni di gas a effetto serra quando si usano materie prime riciclate invece di quelle vergini, grazie al fatto che i sistemi di riciclaggio che producono queste materie prime riciclate hanno un’intensità di carbonio minore rispetto ai processi convenzionali di estrazione delle materie prime…”

L’argomento per la plastica riciclata in particolare è ancora più forte – considerando che anche quando si aumenta il contenuto riciclato in altri materiali comparabili, la plastica otterrà comunque un risultato migliore. Per esempio, questo studio suggerisce che una bottiglia di PET con lo 0% di contenuto riciclato ha un’impronta di carbonio più bassa di una bottiglia di vetro fatta con l’80% di contenuto riciclato. Il vetro ha ottenuto risultati migliori del PET solo con una riduzione di peso del 23% e un’inclusione del 90% di contenuto riciclato. Inoltre, un altro studio ha illustrato che il PET con lo 0% di contenuto riciclato ha rilasciato meno emissioni di carbonio delle bottiglie di vetro con il 35% di contenuto riciclato e delle lattine di alluminio con il 48% di contenuto riciclato.

Quando si guarda specificamente alla plastica, uno studio industriale consegnato da ALPLA ha indicato che la produzione di rPET ha prodotto il 79% in meno di emissioni di carbonio rispetto al PET vergine. Risultati simili sono stati rivelati dall’Associazione dei riciclatori di plastica che l’anno scorso ha pubblicato un rapporto che illustra che l’uso della plastica riciclata ha ridotto le emissioni di gas serra del 67% per il PET e del 71% per HDPE e PP – oltre a ridurre il consumo di energia. I risultati dimostrano sia un chiaro incentivo ambientale che commerciale per le aziende. Secondo Steve Alexander, CEO di APR:

 “Questo studio mostra una vittoria per le aziende che incorporano la resina plastica riciclata nei loro nuovi prodotti. Possono migliorare la sostenibilità ambientale dei loro prodotti e processi e ridurre i loro costi energetici”

Il ruolo dell'rPET nelle strategie di riduzione del carbonio

Integrare più contenuto di plastica riciclata nei prodotti e negli imballaggi può quindi essere un modo efficace per ridurre le emissioni di carbonio. Tuttavia, per le aziende, la misura in cui il passaggio alla plastica riciclata ridurrà le emissioni rimane relativa al contributo del packaging alla catena del valore dell’impronta di carbonio complessiva. Ciò significa che per le aziende alimentari e delle bevande in particolare, tale strategia ha un senso logico. Per esempio, Coca Cola e PepsiCo notano che il loro imballaggio può assorbire da un quarto a un terzo delle loro emissioni totali di carbonio. Mentre per altri, come Keurig Dr. Pepper, le emissioni di carbonio dell’imballaggio hanno un contributo molto più alto, pari al 43%.

Incorporare più contenuto riciclato nel packaging ha aiutato le aziende a raggiungere la neutralità del carbonio. Il marchio di acqua di nicchia Belu, che ha raggiunto questa pietra miliare, premiato dal British Standard Institute, usa il 100% di plastica riciclata in tutte le sue bottiglie d’acqua – dimostrando che la plastica riciclata ha un’impronta di carbonio più bassa rispetto ad altri materiali come le lattine di alluminio. Altri grandi nomi come Evian, che sono stati recentemente certificati carbon neutral dal Carbon Trust, hanno notato che quando si tratta di produzione di imballaggi, l’uso di rPET ha portato al 50% di emissioni in meno rispetto all’uso di plastica PET vergine.

Riutilizzare, riutilizzare, riciclare, riciclare

Anche se tutte le prove indicano che la plastica ha un’impronta di carbonio più bassa di altre alternative tradizionali e che usare plastica riciclata è ancora meglio, quello che succede al materiale una volta che ha raggiunto il suo scopo originale, è ciò che conta davvero in un’economia circolare pienamente funzionante. Per aumentare il contenuto riciclato negli imballaggi e in altri prodotti, ci deve essere una fornitura sufficiente di materiale plastico riciclato disponibile. Questo richiede una drastica revisione sistematica della nostra infrastruttura di riciclaggio, supportata da politiche governative, insieme a un cambiamento nella nostra percezione.

 

Fonte: Prevented Ocean Plastic

Sulla plastica si è detto tutto e il contrario di tutto.
Per questo è importante saper distinguere le informazioni giuste.

Raccoltala Giusta

Raccolta differenziata
delle informazioni sulla plastica