EvoluzionePlastica_chiavefuturosostenibile

L’evoluzione della plastica è la chiave per un futuro sostenibile

 Proponiamo la traduzione dell’articolo pubblicato da World Ocean che mette in luce le contraddizioni della guerra alla plastica in nome della salvaguardia ambientale. I problemi generati dalle emissioni di carbonio sono stati in origine esaminati dai responsabili politici dei governi e dalle comunità scientifiche, mentre la questione della plastica è iniziata sui media con la generazione Blu Planet. È probabilmente questo “difetto d’origine” che ha condizionato e condiziona il discorso sulla plastica.

Il problema della plastica deve essere riformulato: il problema non è il materiale, ma come viene smaltito

La consapevolezza del problema dei rifiuti di plastica nel nostro ambiente naturale è aumentata negli ultimi anni, con programmi televisivi come The Blue Planet che hanno fatto luce sulla questione, in particolare per quanto riguarda i nostri oceani.

È stato dimostrato che tali programmi hanno un impatto sul comportamento dei consumatori. Nel 2019 Waitrose, un rivenditore britannico, ha pubblicato un sondaggio secondo il quale l’88% delle persone che avevano visto un episodio di Blue Planet II avevano cambiato il loro comportamento come conseguenza, portando a un aumento dell’800% delle richieste di informazioni dei clienti sulla plastica (1).

La natura visiva dei rifiuti di plastica, contrariamente a quanto avviene con l’inquinamento chimico o agricolo, è uno dei motivi per cui l’opinione pubblica si è concentrata così tanto sulla plastica rispetto alle emissioni di gas serra, e spesso significa che il prezioso contributo della plastica – sia in relazione alla salute umana, alla sicurezza e all’igiene, o alla conservazione del cibo, o nei molti modi in cui riduce le emissioni di carbonio – è trascurato e frainteso.

“La conversazione sulle emissioni di carbonio è stata originariamente condotta dai responsabili politici del governo e dalla comunità scientifica. Al contrario, la questione della plastica è iniziata più nei media con la generazione Blue Planet, i consumatori e gli attivisti”, dice Jim McClelland, un futurista della sostenibilità. Egli sottolinea anche sottili differenze nel linguaggio: si parla di “riduzione” delle emissioni con l’obiettivo di raggiungere alla fine lo zero netto, rispetto al discorso più muscolare di “eliminare” la plastica.

88%Spettatori di Blue Planet II che hanno cambiato il loro comportamento di consumo

800%Conseguente aumento delle richieste di informazioni sulla plastica da parte dei clienti di Waitrose

Anche se la pressione pubblica è un motore prezioso il dibattito sulla plastica sta mancando il bersaglio su due fronti: in primo luogo, sottovalutando i profili di emissione dei materiali alternativi; e in secondo luogo, non riconoscendo il contributo critico che la plastica dà già alle tecnologie di cui abbiamo bisogno per la transizione verde, dall’isolamento alle attrezzature solari, e il potenziale per questo impatto di essere ancora maggiore con l’ulteriore sviluppo delle tecnologie. Gli esperti ritengono che il passaggio a un’economia circolare può massimizzare il valore di questo bene vitale ed eliminare i rifiuti dannosi.

“Una cosa su cui siamo tutti d’accordo è che la plastica non appartiene all’ambiente e questo è un problema che stiamo lavorando per risolvere”, dice Peter Sandkuehler, direttore della sostenibilità, dell’imballaggio e delle plastiche speciali alla Dow Chemical. “Ma dobbiamo assicurarci che il modo in cui pensiamo al ruolo della plastica nell’economia non venga distorto. La gente non guarda necessariamente a ciò che la plastica porta di positivo e a come si riferisce alla riduzione dell’impronta di carbonio”.

economia-circolare

Il materiale miracoloso

Per avere la prova del contributo vitale della plastica alle nostre vite, basta guardare alla pandemia. La sua versatilità, flessibilità e sicurezza la rendono un materiale vitale in tutto, dal mantenere farmaci e dispositivi a prova di manomissione al proteggere i miliardi di aghi di vaccino necessari per immunizzare il mondo. La plastica è essenziale anche per la transizione verde. I design innovativi della plastica possono mantenere la carne fresca fino a tre volte più a lungo con solo un terzo del materiale, il che significa un taglio del 75% di CO2 e una riduzione dei rifiuti alimentari, secondo Idil Yurdakul, direttore marketing globale e del gruppo EMEA di Dow Chemical. La plastica non solo aiuta a ridurre i rifiuti alimentari allungando il ciclo di vita degli alimenti deperibili, ma permette anche di ridurre le emissioni di carbonio in molti altri settori. “I pannelli solari e l’isolamento degli edifici fanno affidamento sulla loro durata, mentre nel settore automobilistico il materiale è essenziale per ridurre il peso dei veicoli e quindi le emissioni”, dice la signora Yurdakul.

3xDurata del tempo in cui i design innovativi della plastica possono mantenere la carne fresca

1/3Quantità di materiale utilizzato rispetto ai design tradizionali

75%Riduzione di CO2 come risultato

E il profilo delle emissioni delle alternative? Gli studi rivisti da esperti che esplorano gli impatti ambientali della sostituzione della plastica con le alternative – tenendo conto di una serie di dinamiche ecologiche tra cui il cambiamento climatico, l’inquinamento dell’aria, della terra e dell’acqua e i danni agli oceani – hanno scoperto che il costo ambientale delle alternative è significativamente più alto della plastica, soprattutto a causa della quantità di materiale necessario per ottenere la stessa funzionalità (2).
Creatività_Articolo_Evoluzione

La via da seguire è quella circolare

Quello che serve è una strategia migliore per ridurre al minimo i rifiuti, realizzando una catena di valore circolare che massimizzi il valore di questo materiale dinamico ed elimini i suoi danni ambientali. La circolarità offre un’enorme opportunità per raggiungere lo zero netto. Un rapporto ha scoperto che solo l’8,6% dell’economia mondiale è veramente “circolare”, suggerendo un’enorme opportunità di combinare la riduzione delle emissioni con l’eliminazione dei rifiuti (3). “Le emissioni e la circolarità sono così strettamente collegate”, dice il signor McClelland.

Dow è all’avanguardia nel portare la circolarità nell’industria della plastica. L’azienda sta, per esempio, usando materie prime a base biologica derivate dai prodotti di scarto di altre industrie, come la biomassa del settore forestale, che può essere usata per creare cartone, dice Sandkuehler. Dow sta anche lavorando con le aziende di riciclaggio per riportare i rifiuti plastici nella catena del valore, come nelle sue partnership con Mura Technology e Fuenix Ecogy, aziende tecnologiche che si concentrano sulla conversione della plastica di scarto in prodotti chimici e oli per la creazione di nuovi prodotti plastici. La realizzazione di un’economia della plastica completamente circolare può cambiare il dibattito, trasformando questo bene essenziale in uno strumento versatile e a basso impatto per realizzare la transizione verde e consentire un futuro a basse emissioni di carbonio.

Sulla plastica si è detto tutto e il contrario di tutto.
Per questo è importante saper distinguere le informazioni giuste.

Raccoltala Giusta

Raccolta differenziata
delle informazioni sulla plastica